cambiamenti. (+ corso Artistica Glò.)

qui tira un vento davvero freddo.
non posso neppure uscire in terrazza e godermi le foglie degli alberi che cadono perchè sennò mi congelo e quindi sono rinchiuso in casa.
fisicamente non sto tanto bene: ho una guancia ovattata perchè sono appena tornato dal dentista e io ho sempre odiato il dentista. fin da piccino piangevo dalla mattina fino alla sera, il giorno del dentista e non mi sono mai curato dei miei denti come avrei dovuto. io i denti li odio ma dopo essere stato male (passavo le mie giornate a letto con quel fastidioso e continuo lamento che mi usciva dalla bocca involontariamente) ho deciso che avrei dovuto davvero riallacciare i rapporti con dentista.
inoltre, sempre per farvi capire quanto stia bene, sono due giorni che zoppico da una stanza all'altra per un dolore al lato del piede sinistro. ogni volta che devo uscire dalla mia camera da letto è una tragedia. ma dite che basti questo dolore? no, troppo poco. dovevo per forza chiudermi la mano (per altro la destra) tra due porte (quella blindata e una porta di passaggio) con conseguenti sanguinamenti.
Ho sempre pensato a quanto sarebbe stato poco professionale parlarvi dei miei pensieri e a quanto però scrivere mi sarebbe servito per farmi un po di ordine in testa.
insomma, io vedevo il mio blog come un luogo dove potevo condividere i miei ultimi lavori, mostrarvi un timbro, delle carte nuove, fustelle perfette eccetera ma forse ad almeno una di voi le mie turbe mentali interessano?
quindi i cambiamenti di cui volevo parlarvi stasera riguardano proprio questo. Ho deciso che questo non sarà solo un blog 'lavorativo' ma mi andrebbe di tanto in tanto raccontarvi un po' come girano le cose da queste parti. un po' per mostrare alle tante persone che mi danno del lei, che sono una persona davvero easy, un po' per coinvolgervi nella mia stupida vita.

e poi trovo questa frase su tumblr che davvero rispecchia cos'è la mia vita:

"Il punto è che quando hai sedici, diciassette, diciotto anni, puoi fare tutto. Puoi permetterti di sbagliare. Il fatto è che è bellissimo e non ce ne rendiamo conto. È l’età delle sigarette nascoste ai genitori, delle peggio feste, nei peggio locali, con la peggio musica. È l’età del saltare scuola e falsificare la giustifica. I maglioni troppo larghi, i thè sotto le coperte la domenica pomeriggio con le amiche. Le passeggiate avanti e indietro per le stesse vie. I concerti. I diari segreti. Le cicatrici sulle braccia. Le scritte nei bagni di scuola. I concerti. Le canne. È l’età degli errori, l’età che non torna, l’età di qualsiasi cosa fai puoi ancora rimediare. È l’età dei pianti per cose che non sono niente e sembrano tutto, l’età dei primi amori, i primi baci, il dolore di quando finisce, i “per sempre” che non lo saranno mai. Il fatto è che è stupendo e non ce ne rendiamo conto, ci mettiamo in gabbia per paura della vita, senza renderci conto che la vita vera è proprio ora, quella che non tornerà indietro, quella che a trent’anni vorremo poter rivivere. Il fatto è che siamo una generazione dannata, bruciata, andata, spirata. La generazione di facebook, di twitter e tumblr. Degli stamp delle conversazioni, dei messaggi troppo lunghi, dei troppi libri, dilatatori e tatuaggi fatti senza pensare. Degli acchiappasogni. Dei “voglio vivere a Londra”, “voglio vivere a New York”. Delle poesie sui banchi di scuola, delle lucine di natale attacate al muro della stanza. I film visti mille volte. Le amicizie a distanza. Le stazioni. I treni. Le insicurezze. Smettere di mangiare e ricominciare due giorni dopo. Ed è bellissimo, solo che non ce ne rendiamo conto. Solo che io non me ne rendo conto. È ora di cominciare a respirare, gridare e vivere. Vivere fino a consumarsi la pelle e le ossa. Vivere fino a consumarci l’anima."

 e credo che sia davvero l'ora di cominciare a vivere alla grande, di smettere di preoccuparmi di cose stupide. credo sia ora di riordinare le idee (e la camera, mamma si lamenta sempre).
credo sia l'ora di dare il giusto peso alle cose perchè io sono uno che si offende per un apostrofo messo male, e prende per amore un sasso. Sono uno che si arrabbia per una parola e si innamora di un difetto. non so se mi spiego, LOL
devo organizzare meglio il mio tempo, perdo le ore davanti al PC senza concludere nulla e studio il mattino dopo, con la sveglia impostata alle cinque e trentasette, perchè per me quei sette minuti sono importantissimi.
e a proposito di organizzazione ho deciso di lasciare qualche DT per dedicarmi al massimo ad alcuni, così da non dare poca importanza a tutti, ma concentrarmi su alcuni che non sono i miei preferiti, ma quelli che mi sembrano più facili da soddisfare.
per me è stato una schifezza dover lasciare le inky chicks e la Saturated canary ma davvero il tempo non lo trovo più neppure per me.
e sempre a proposito di organizzazione, vi volevo avvisare con non troppo preavviso (e mi scuso di ciò) che Sabato 14 dicembre sarò a Cinisello Balsamo (vicino Milano) dove terrò un corso sulla colorazione e la composizione di una card. spero che parteciperete in tantissime anche perchè di posti non ne sono rimasti proprio tantissimi.
Il corso si terrà dall'artistica Glo, o forse la conoscete come Gloria Tomè, una artista che ha un negozio davvero formidabile che mette a disposizione per una bellissima giornata tra pastelli, carte, timbri e inchiostri in mia compagnia.
per ulteriori informazioni andate qui.

adesso vi saluto e vi auguro una buona serata!
un bacio grande,
Alby




Etichette: